Ad Anguilla inizia la riapertura

La riapertura ai viaggiatori internazionali di Anguilla, nella Fase 2, è iniziata domenica 1°novembre, con l’introduzione del concetto di “vacanza nella bolla”, che significa dare la possibilità alle strutture di offrire agli ospiti, durante la quarantena, l’accesso a una serie di comfort, servizi e attività approvate in tutta sicurezza.  Queste agevolazioni permettono ai visitatori di accedere all’eccezionale offerta turistica di Anguilla, limitando, al contempo, l’interazione con la popolazione di Anguilla.

“Siamo lieti di annunciare che l’ospitale Anguilla può ora riaprire i battenti in modo sicuro, con ispezioni e protocolli di sicurezza volti a proteggere la salute dei nostri turisti e della nostra nazione”, ha dichiarato il Ministro del Turismo e delle Infrastrutture, Haydn Hughes.  “Vogliamo che tutti possano provare l’esperienza di una vacanza ad Anguilla – vi invitiamo a -lasciare la folla per ritrovare voi stessi-“, ha continuato.

Nella Fase 2 Anguilla può finalmente accogliere i turisti, a condizione che si attengano ai protocolli previsti, prima dell’ingresso. Questi includono:

  • un Test COVID-19 PCR (reazione a catena della polimerasi) negativo eseguito non meno di 3 e non più di 5 giorni prima della data di arrivo prevista;
  • 1 Test COVID-19 obbligatorio all’arrivo, e 1 test negativo alla fine del periodo di quarantena o in qualsiasi fase durante la quarantena se si sviluppassero sintomi;
  • quarantena obbligatoria per un minimo di 10 giorni per le persone che arrivano da luoghi con una bassa prevalenza di Covid-19 e 14 giorni per le persone che tornano ad Anguilla da luoghi con un’alta prevalenza di Covid-19.
  • un’assicurazione medica che copra il costo del trattamento COVID-19 per 30 giorni;
  • il pagamento delle spese relative ai test e controlli medici che variano a seconda della durata del soggiorno.

“Riconosciamo che le preoccupazioni per la salute e la sicurezza sia per i nostri visitatori che per i nostri ospiti sono di primaria importanza “, ha dichiarato il Segretario al Turismo, la signora Quincia Gumbs Marie. “In preparazione alla riapertura della seconda fase, abbiamo organizzato corsi di formazione gratuiti per più di 500 datori di lavoro del settore turistico – dalle governanti alle imprese di trasporto e alle agenzie di noleggio barche – e più di 100 strutture commerciali hanno ottenuto la certificazione di sicurezza ambientale. La certificazione per l’ambiente sicuro è stata rilasciata a molti fornitori di fasce diverse, per ampliare al massimo l’ambito delle attività e delle esperienze offerte ai nostri visitatori”.

I visitatori che arriveranno ad Anguilla potranno dedicarsi ai loro passatempi preferiti – cenare nei ristoranti certificati “bolla”, giocare a golf, fare immersioni subacquee, andare in kayak, fare gite in barca con il fondo di vetro, yoga all’aperto, fitness all’aperto e al coperto, e le sempre popolari escursioni in mare aperto a Sandy Island, Scilly Cay e Prickly Pear, compresi i pranzi.  Per tutte le attività è richiesta la prenotazione anticipata, con trasporto fornito da un operatore certificato.

Con l’inizio della fase 2 si sono ampliati i servizi offerti ai turisti.  Il 15 novembre 2020, il ferry che parte dal terminal dei traghetti St. Maarten-Anguilla, situato di fronte all’aeroporto Princess Juliana (SXM), tornerà al terminal dei traghetti di Blowing Point ad Anguilla.

Calypso Charters, Funtime Charters e GB Express sono le aziende certificate autorizzate a riprendere il servizio navetta privato e semi-privato di 25 minuti tra St.Maarten e Anguilla.

Molte delle meravigliose ville spettacolari di Anguilla sono state aperte nella Fase 1 e altre sono entrate in funzione nella Fase 2. I resort iconici di Anguilla hanno riaperto come è iniziata la  Fase 2, tra i primi  il Belmond Cap Juluca, il Frangipani Beach Resort e il Tranquility Beach Anguilla, seguiranno poi il CuisinArt Golf Resort and Spa che riaprirà il 14 novembre; il Four Seasons Resort & Residences e il Quintessence Hotel il 19 novembre; Zemi Beach House, LXR Hotels & Resorts il 14 dicembre; e Malliouhana, Auberge Resorts Collection il 17 dicembre.

Alcune strutture della Charming Escapes Collection, come il Carimar Beach Club, lo Shoal Bay Villas, Meads Bay Villas e La Vue, hanno riaperto e sono pronte a ricevere gli ospiti. L’elenco completo di resort, ville, bar, ristoranti e ritrovi certificati e approvati, costantemente aggiornato, è disponibile sul sito web dell’Anguilla Tourist Board (www.ivisitanguilla.com).

Nel giugno 2020, Anguilla è stata classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come “senza casi” di COVID-19.   Attualmente Anguilla ha la classificazione di “No Travel Health Notice”: Rischio molto basso per COVID-19″ del Centro per il controllo delle malattie (CDC) (https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/travelers/map-and-travel-notices.html)